Nostra Signora di Castro
OSCHIRI  (SS )
Compilatore: Fais, Caracciolo,




Variazioni del nome
 Nostra Signora di Castra, Santa Maria di Castra, Nostra Segnora de Crasta, Madonna di Castro. 

Ubicazione geografica
Altitudine:  224 metri
Paesaggio:  Collina
Territorio:  Campagna
Note:
Il santuario sorge a circa due chilometri da Oschiri, alta sulla piana campestre del fiume Coghinas. Traae la denominazione dalla stazione militare romana (castrum)di Luguido (Logudonec), locolazzita nelle rovine in basso, presso la piana circostante la chiesa di San Simeone. Localizzato in I.G.M., F° 181, III, S.E., Oschiri.

Diocesi di appartenenza
Denominazione:  Diocesi di Ozieri
Entrata in vigore:  nell'anno 1915

Diocesi di appartenenza precedenti
Denominazione:  Diocesi di Alghero
Entrata in vigore:  nell'anno 1503

Denominazione:  Diocesi di Castro
Entrata in vigore:  nell'anno 1112

Denominazione:  Diocesi di Bisarcio-Ozieri
Entrata in vigore:  nell'anno 1804

Parrocchia di appartenenza
Denominazione:  Beata Vergine Immacolata (Oschiri)

Dedicazione
Dedicato a:  Madonna
Nome completo:  Nostra Signora di Castro
Entrata in uso: tra l'anno 1065 e l'anno 1174
Note:
Il santuario è dedicato alla Vergine Annunciata. Il toponimo fa riferimento all'antica diocesi di Castro, documentata dal 1116. Il nome della diocesi deriverebbe, a sua volta, dalla presenza, a circa 1 km. dal santuario, di un castrum romano risalente al III secolo a.C.

Oggetti del culto
Descrizione: La statua, probabilmente del tardo Cinquecento, è in legno policromato, indossa una veste dorata e un manto blu damascato. Con la mano sinistra regge la Bibbia. E' custodita in una nicchia dell'altare ligneo dell'abside. Accanto alla statua della Madonna di Castro è presente nella chiesa un'altra statua della Madonna detta l'Assunta o la Dormiente, in quanto distesa all'interno di una bara intarsiata in legno risalente al XVII secolo. Sono molti i pellegrini che si rivolgono ad essa, specie le donne che desiderano avere un figlio.
Immagine: Statua