San Michele
GHILARZA  (OR )
Compilatore: Mele




Variazioni del nome
 San Michele; Santu Micheli. 

Ubicazione geografica
Altitudine:  262 metri
Territorio:  Campagna, Piccolo abitato
Note:
Il santuario campestre è situato nel territorio del comune di Ghilarza, ai margini dell'altopiano omonimo, distante alcuni chilometri dall'abitato. La chiesa sorge al centro di un piccolo insediamento, oggi costituito da alloggi temporanei per i novenanti, ma nel Medioevo villaggio arborense di Uras o Urri. Tavoletta I.G.M., F° 206, II, N.E., Ghilarza.

Diocesi di appartenenza
Denominazione:  Archidiocesi di Oristano
Entrata in vigore:  nell'anno 1503

Diocesi di appartenenza precedenti
Denominazione:  Diocesi di Santa Giusta
Entrata in vigore:  nell'anno 1119

Parrocchia di appartenenza
Denominazione:  San Macario/Maria Vergine Immacolata (Ghilarza)
Entrata in vigore:  nell'anno 1608

Dedicazione
Dedicato a:  Angeli
Nome completo:  San Michele arcangelo
Entrata in uso: nell'anno 1551
Note:
Culto di derivazione bizantina, di ampia diffusione in Sardegna. Nel Ghilarzese il culto degli arcangeli, attestato nel San Michele e nel San Raffaele, trova in quest'ultimo un'intima connessione con il culto degli angeli in generale, che vede la sua prima e tradizionale devozione nel Serafino.

Oggetti del culto
Descrizione: Statua in legno policromo, raffigurante l'arcangelo con le ali, armato di spada nella mano destra. La statua fu restaurata nel 1699 dal pittore Giampietro Fadda di Ghilarza e a più riprese nei secoli successivi per via dell'umidità.
Entrata in uso: nell'anno 1699
Immagine: Statua